Visite: 115

VIVA Sottofrua ETS ODV
Vogliamo Impegnarci Vogliamo Animarla
Strada Statale delle Valli Antigorio e Formazza- Km  36,800, Comune di Formazza (VB)

COMUNE DI FORMAZZA FRAZIONE DI SOTTOFRUA 

CASA DI SOGGIORNO ALPINO (EX CENTRALE IDROELETTRICA DI SOTTOFRUA)

 

Verifica disponibilità sul: Calendario delle Prenotazioni

 

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA, REGOLAMENTO D’USO E NORME DI GESTIONE

 

Casa per ferie per gruppi in autogestione.

Proprietà del Centro Salesiano di Arese, concessa in usufrutto all’Associazione ODV ETS VIVA Sottofrua.

Indirizzo: strada statale delle valli Antigorio Formazza- Km  36,800, Comune di Formazza, Provincia di Verbania, Regione Piemonte.



DESCRIZIONE DELLA LOCALITA’ E DELL’EDIFICIO DENOMINATO “CENTRALE” 

L’edificio si trova a 1.510 m.s.l.m. di altitudine in Val Formazza, in località Sottofrua ai piedi della magnifica cascata del Toce patrimonio dell’Unesco. 

E’ di proprietà del centro Salesiano San Domenico Savio di Arese ed è stata concessa mediante contratto di usufrutto all’associazione ODV ETS VIVA Sottofrua.

La struttura ex centrale idroelettrica, costruita nei primi del 900 e funzionante fino agli anni 40, produceva energia elettrica sfruttando l’acqua dell’invaso del lago del Ghighel ancor oggi meta di gite. 

Dismessa in seguito dopo l’unione con altri invasi da parte dell’Enel, fu acquistata dai Salesiani e    trasformata in casa soggiorno alpino, per ospitare i ragazzi del Centro Rieducativo di Arese. 

Nel 2018, l’associazione VIVA Sottofrua si è fatta carico del rinnovamento degli ambienti e della messa a norma, rendendola più confortevole e adatta alle attuali esigenze dei gruppi. 

Il ricavato della gestione viene devoluto dall’associazione VIVA Sottofrua all’Operazione Mato Grosso: essere ospiti di questa struttura è un sostegno concreto alle numerose opere caritative che l’OMG sostiene in America Latina. 

A seguito dei lavori di rinnovamento, la casa di soggiorno alpino, può ospitare fino a 98 persone in autogestione: sono state eliminate le barriere architettoniche e a tal fine è stato istallato un moderno ascensore che rende la struttura adatta anche alle persone diversamente abili.

Gli ambienti interni risultano distribuiti su tre piani con le seguenti destinazioni d’uso.

Piano terreno:

  • Ingresso;
  • Sala pranzo da 98 posti, zona self-service con carrelli scaldavivande, zona caffè, spazio per attività ricreative;
  • Sala animatori/studio con postazioni per personal computer;
  • Cucina suddivisa in zona di preparazione e zona di lavaggio dotata di: cuoci-pasta a due vasche, lavabi, friggitrice, forno a convezione, forno per la pizza, cucina 8 fuochi, frigorifero e freezer, cappa aspirante, tritacarne-formaggio, affettatrice, lavastoviglie;
  • Corridoio;
  • Scala e sbarco ascensore;
  • Servizio igienico cucina;
  • Servizi igienici (4 wc e 4 lavabi);
  • Sala giochi dotata di: impianto audio video, schermo di proiezione, sedute, tavoli, tavolo da ping-pong, calciobalilla, biliardino, giochi di società in scatola;
  • Deposito scarponi, lavatrice e lavabo.

Piano primo:

  • Scala e sbarco ascensore,
  • Tre camere da 15 posti letto (sette letti a castello e un letto singolo);
  • Una camera da 4 posti letto (due letti a castello);
  • Servizi igienici (5 wc, 4 docce e 12 lavabi).

Piano secondo:

  • Scala e sbarco ascensore;
  • Tre camere da 15 posti letto (sette letti a castello e un letto singolo);
  • Una camera da 4 posti letto (due letti a castello);
  • Servizi igienici (5 wc, 4 docce e 12 lavabi).

Piano interrato:

  • Locali dispensa e deposito.

 

Ambienti esterni:

Il cortile esterno e la zona verde sono recintati sul confine con la strada mediante recinzione metallica e sul confine con il torrente mediante muraglione in pietra: gli ambienti risultano accessibili tramite passo carraio dotato di sbarra con lucchetto.

Il fiume Toce scorre al di là della strada a pochi metri dal cortile esterno.

Tali ambienti sono dotati di:

  • Chiesetta privata “Madre della Speranza”, a servizio della struttura con 120/150 posti;
  • Campo giochi in sabbia per calcetto e pallavolo;
  • Muraglione e massi di grosse dimensioni per arrampicata sportiva;
  • Panche per esterno;
  • Zona griglieria;
  • Parcheggio per massimo 10 autoveicoli posto tra la Centrale e l’Alberghetto;
  • Parcheggio per massimo 15 autoveicoli posto tra l’Alberghetto e la Galleria;
  • Zona Rifiuti Solidi Urbani.



ESCURSIONI

Partendo direttamente dalla casa ci sono numerosi sentieri che si diramano in tutte le direzioni alla volta delle più belle escursioni dell’alta val Formazza, fino a spingersi alle vette più alte ed ai ghiacciai che sfiorano i 3.400 m.s.l.m..

Escursioni che partono direttamente da Sottofrua:

  • Lago Nero;
  • Cascata del Toce e piana di Riale;
  • Passo del Gallo, lago del Vannino, lago superiore e passo del Neffelgiù.

Escursioni con partenza a 10 minuti di auto da Sottofrua:

  • Da Riale al rifugio Maria Luisa, laghi Toggia e Castel, passo di San Giacomo;
  • Dal lago del Morasco al lago Sabbioni rifugi Claudio e Bruno, 3A, Città di Busto;
  • Dal lago del Morasco al passo del Gries;
  • Da Ponte Formazza al lago del Vannino con seggiovia: 

Altre escursioni:

  • Frazione di Antillone;
  • Farzione di Salecchio;
  • Lago del Busin;

Vette Principali sopra i 3.000 m.s.l.m.:

  • Bindenhorn;
  • Hosandhorn;
  • Punta d’Arbola;
  • Monte Basodino;

Per i gruppi che lo desiderano si possono organizzare (previa prenotazione) le gite con pranzo/cena e pernottamento ai rifugi OMG Baita Sabbioni, Rifugio Claudio e Bruno, Rifugio 3A.

TARIFFE E CONDIZIONI VALIDE PER SOGGIORNI AUTOGESTITI.

La struttura viene affidata al capogruppo in forma di autogestione, il periodo minimo di permanenza è di 5 notti la tariffa estiva è di 15 euro a persona escluse le spese di riscaldamento.

La prenotazione deve essere effettuata tramite compilazione e l’invio tramite mail del “modulo A” scaricabile dal sito www.vivasottofrua.it e l’invio della caparra di conferma cui seguirà la conferma da parte dell’incaricato dell’associazione. 

Le tariffe saranno applicate a quota fissa (15 euro al giorno per persona) fino al raggiungimento del numero minimo pari a 60 persone, dalla successiva unità in poi a fino a 98 persone a quota ridotta (10 euro al giorno per persona) per ogni unità superiore. 

Sul sito internet si potrà verificare direttamente le disponibilità dei periodi liberi tramite apposito calendario delle prenotazioni; vi invitiamo comunque a contattarci per eventuali dubbi o chiarimenti.

 

REGOLAMENTO

1) AUTOGESTIONE E REFERENTI

La casa viene affidata in completa autogestione, tuttavia all’arrivo e alla partenza del gruppo sarà presente un incaricato/volontario che gestisce la casa.  In caso di necessità l’incaricato è reperibile telefonicamente h24 e potrà far visita al gruppo presente nella casa per controllare la corretta applicazione del presente regolamento. Al momento dell’ingresso verrà consegnato, per eventuali necessità, l’elenco dei numeri di telefono del personale abilitato ad intervenire sugli impianti della struttura.

2) RESPONSABILITÀ DEL GRUPPO

Ogni gruppo deve nominare il suo capogruppo che dovrà essere presente per tutto il tempo del soggiorno; il capogruppo risulterà responsabile del gruppo stesso in caso di mancato adempimento di qualsiasi punto del presente regolamento. 

Quando il gruppo arriva nella casa di soggiorno alpino VIVA Sottofrua, il capogruppo prenderà visione, accompagnato dal personale volontario, della struttura in tutte le sue parti; il capogruppo verificherà con il personale della casa, che tutti gli ambienti utilizzati siano stati lasciati in ordine e puliti; eventuali danni e anche la mancata cura degli ambienti utilizzati saranno addebitati al gruppo di ospiti senza necessità di alcun giustificativo.

Inoltre, il gruppo provvederà affinché, al termine del soggiorno, i rifiuti prodotti vengano portati negli appositi cassonetti, avendo cura di differenziarli in base al materiale (carta, vetro, plastica, lattine, umido e secco).

3) UTILIZZO DELLA CASA   

Sono a disposizione per le attività del gruppo: una cucina attrezzata per tutte le esigenze, una sala animatori o studio separata, una sala da pranzo con banco self-service e angolo bar, un salone giochi con schermo e impianto audio, servizi igienici ai piani e le camere da letto il cui utilizzo verrà concordato con il responsabile della struttura, gli spazi esterni, la parte boschiva dietro alla struttura e la chiesetta. 

Al piano interrato della casa è disponibile un locale ad uso deposito fresco utilizzabile come cella. Al piano terra della struttura è usufruibile il locale lavanderia e deposito scarponi. Per le attività esterne è a disposizione del gruppo tutta la parte della struttura opportunamente recintata. 

Per nessun motivo si possono eseguire autonomamente interventi agli impianti (elettrico, riscaldamento, idraulico). 

In caso di necessità ci si deve rivolgere telefonicamente al personale volontario incaricato.

E’ vietato attaccare materiale sui vetri delle finestre o in genere sui muri.

Ogni spostamento dei letti deve essere concordato con il personale della casa al momento della conferma di prenotazione. 

Se qualche oggetto/componente/apparecchiatura/attrezzatura venisse rotta o rovinata il gruppo è invitato a comunicarlo tempestivamente al personale e ad accordarsi per sostenerne la spesa della riparazione/sostituzione.

4) CAMERE

Per l’uso dei letti è OBBLIGATORIO l’utilizzo delle proprie lenzuola, della federa e l'uso del sacco a pelo. I coprimaterassi e i copricuscini dovranno sempre essere lasciati puliti.  Gli ospiti della settimana successiva hanno il diritto di trovare pulito e in ordine. 

Le camere si usano esclusivamente per le ore di sonno e si sconsiglia l’accesso nelle ore diurne; in caso di necessità le porte ai piani si possono chiudere con apposita chiave che verrà consegnata al capogruppo. 

È vietato salire nelle camere con scarponi o dopo-sci; si sale unicamente con ciabatte per non rovinare il pavimento in legno.

Qualsiasi spostamento del mobilio all’interno delle camere e dei locali comuni per esigenze del gruppo, deve essere comunicato preventivamente al personale (è vietato smontare i letti a castello per farli diventare singoli, spostare i letti senza accordo preventivo, ecc.). 

Le camere utilizzate verranno tutte controllate alla fine del soggiorno prima della partenza del gruppo.

5) PULIZIE

Durante il soggiorno, ogni gruppo è tenuto a tenere puliti quotidianamente i locali comuni e tutte le camere e i bagni, secondo il presente regolamento, mediante gli appositi carrelli situati sui piani.  

In particolar modo la cucina dovrà essere pulita alla fine di ogni preparazione dei pasti. 

In ogni caso al termine del soggiorno le camere e in generale i locali della casa dovranno essere lasciati in ordine e con i cestini svuotati depositando i Rifiuti Solidi Urbani negli appositi contenitori posti all’esterno della struttura.

 Al termine del soggiorno la cucina dovrà essere pulita con gli appositi detersivi forniti dal gestore (detersivo specifico per pulizia acciai) con particolare cura e attenzione; non dovranno essere lasciati in loco alimenti o avanzi della gestione.                     

La pulizia degli ambienti è sottolineata con particolare attenzione per garantire ai gruppi successivi l’ingresso in locali in cui sia evidente l’impegno nella corretta gestione del gruppo precedente. 

6) FORNITURE 

La fornitura di cibo e prodotti in genere per pulizia o altro è a carico del gruppo (ad esclusione dei detersivi lavastoviglie e del detersivo per pulizia acciai cucina), è a disposizione del gruppo la lavapavimenti tipo industriale.  

Il personale/volontari sono a disposizione per fornire recapiti di fornitori alimentari presenti in zona.

7) CUCINA E MENSA

Ogni gruppo provvederà ad organizzarsi per la preparazione del cibo nella cucina, con l’attrezzatura a disposizione; tutta l’attrezzatura della cucina e della sala da pranzo è soggetta ad inventario, pertanto verrà verificato con il capogruppo a inizio e fine soggiorno che tutto sia a posto e che non manchi nulla. 

Per l’uso di forni e lavastoviglie, vista la delicatezza dei macchinari il personale provvederà ad illustrare il modo d’uso ai responsabili della cucina. I responsabili della cucina dovranno curarsi della pulizia quotidiana del locale secondo la normativa del piano HACCP di cui ogni gruppo si doterà prima dell’inizio del soggiorno.

La responsabilità delle procedure di preparazione dei cibi durante il soggiorno del gruppo risulta in carico al capogruppo ed agli addetti alla preparazione dei cibi e alimenti. 

In cucina potranno entrare solo gli addetti alla preparazione dei pasti; è vietato l’accesso ai bambini.  

Ai fini della prevenzione infortuni il personale/volontario illustrerà il corretto utilizzo di tutte le attrezzature disponibili nella casa. 

8) SALA GIOCHI

La sala giochi al piano terra è a disposizione del gruppo. E’ ovviamente vietato giocare a pallone nel locale.

Nella sala giochi è presente un impianto audio con due microfoni e un telo di proiezione che rimane a carico del gruppo oltre al videoproiettore al pc e al sistema di riproduzione dvd con altri supporti multimediali. Nella sala sono disponibili giochi da tavolo, ping-pong, calciobalilla tutte attrezzature utilizzabili dai fruitori. Se ne raccomanda un uso appropriato e consapevole.

9) ESTERNO

Il gruppo ha a sua disposizione il cortile ela zona verde, il campo in sabbia da calcetto e pallavolo, le porte da calcio e la rete di pallavolo; ogni gruppo sarà tenuto a mantenere pulito il perimetro dell’area utilizzata durante il soggiorno; le auto dei componenti del gruppo potranno essere lasciate nei pressi della casa nei due parcheggi già citati, adiacenti alla struttura. 

Durante il soggiorno è consigliabile tenere chiusa la sbarra di accesso al campo e lasciare tesa la catena che delimita la zona parcheggio per evitare che i turisti parcheggino le macchine o le moto nella proprietà in uso temporaneo al gruppo. 

10) DOCUMENTI E SPESE

Ogni prenotazione è resa effettiva dalla compilazione dell’apposito modulo (scaricabile dal sito: www.vivasottofrua.it) ed inviato via e-mail unitamente al versamento della quota stabilita come caparra di conferma tramite bonifico all’Associazione VIVA Sottofrua (IBAN IT63E0521632440000000003555, intestazione: VIVA SOTTOFRUA ETS ODV)

Nel periodo estivo (da giugno a settembre) la quota di affitto varia a seconda del numero di occupanti come riportato nel capitolo iniziale “TARIFFE E CONDIZIONI VALIDE PER SOGGIORNI AUTOGESTITI”.  

Il riscaldamento e il consumo di acqua calda verranno calcolati in aggiunta alla quota pro capite. 

In caso di recesso da parte del gruppo in qualsiasi momento, la caparra versata verrà interamente trattenuta. Alla caparra verranno aggiunti come cauzione ulteriori euro 200, che verranno scontati al saldo se, a giudizio del personale della casa, nel momento della partenza tutto verrà lasciato nel dovuto ordine, correttamente pulito e senza danni alla struttura al mobilio, alle attrezzature, agli oggetti, ecc. (vedi punti precedenti del presente regolamento).

N.B.: per eventuali danni ritenuti gravi, verrà calcolata la cifra in base al danno; tale cifra esula dalla cauzione versata la quale potrà anche essere ugualmente trattenuta se il personale lo riterrà necessario. Le spese per acqua, luce e gas sono comprese nella quota in base ad un consumo normale senza inutili sprechi.

11) SICUREZZA  

La struttura è provvista di impianto rilevazione fumi: tale impianto richiede accortezza da parte del gruppo nel rispettare particolari indicazioni.

In particolare è assolutamente vietato:

  • fumare all’interno dell’edificio; 
  • usare fiamme libere all’interno dell’edificio; 
  • utilizzare fornelli da campeggio, bombolette di gas, accendini e carica accendini a gas;
  • introdurre nei locali materiali esplosivi, fuochi d’artificio, fiaccole e petardi;
  • introdurre ni locali materiali infiammabili in taniche o recipienti quali benzina, gasolio, kerosene, solventi e diluenti;
  • utilizzare bombolette spray il cui contenuto risulti sensibile ai rilevatori fumo (lacca, vernici spray, solventi spray, acetone);
  • introdurre nei locali e utilizzare stufette, bollitori, ferri da stiro, apparecchi elettrici dotati di resistenze riscaldanti. 

La struttura è inoltre provvista nel locale cucina di impianto rivelazione fughe gas che blocca in automatico l’erogazione del combustibile. 

I locali sono dotati di impianto di illuminazione di emergenza e di segnalazione delle vie di fuga che si attiva in caso di mancanza rete o in caso di emergenza. 

I locali sono dotati di estintori portatili e impianto antincendio ad acqua mediante lance UNI 45 ed è a carico del gruppo avere almeno una persona abilitata all’uso di tali attrezzature.

I locali sono dotati di porte antincendio REI (camere ai piani e a protezione delle vie di fuga) che garantiscono l’esodo in caso di incendio, lungo le vie di fuga.  

Le vetrate interne ed esterne sono rivestite da pellicola antinfortunistica che evita la dispersione delle schegge qualora il vetro, a seguito di impatto, dovesse rompersi. 

Le planimetrie di esodo sono esposte ad ogni piano e riportano l’indicazione “VOI SIETE QUI”.

Il capogruppo (responsabile del gruppo) è tenuto a prendere visione con il personale/volontario/gestore, del piano di emergenza e della posizione delle vie di fuga in caso di evacuazione. Successivamente sarà sua cura istruire gli ospiti riguardo alla posizione delle vie di fuga e della posizione delle attrezzature antincendio. 

In caso di emergenza è vietato l’uso dell’ascensore. 

In situazione di emergenza il capogruppo dovrà occuparsi di verificare la veridicità del segnale di allarme e della completa evacuazione di tutti i componenti del gruppo. La verifica avverrà tramite conteggio dei componenti che si dovranno riunire presso il punto di raccolta fissato nel cortile del campo di calcetto/pallavolo in vicinanza dell’edificio denominato “Villetta”. 

Qualora vi fossero presenti persone con ridotta capacità motoria, in previsione di eventuali situazioni di emergenza, dovranno essere preventivamente e nominalmente incaricati gli addetti all’emergenza (uno per ogni persona disabile), con il compito di assicurarsi che le persone con ridotta capacità motoria giungano all’esterno dell’edificio.

Il personale provvederà a inizio soggiorno (prima dell’arrivo del gruppo) a far circolare nell’impianto, acqua calda a temperatura elevata oltre i 70° ai fini di evitare contaminazioni da legionella. 

E’ a carico della gestione/volontari mostrare al responsabile del gruppo copia delle analisi chimico batteriologiche dell’acqua di sorgente che alimenta tutti gli impianti della struttura. 

Anche in caso di emergenza sanitaria, nessuno, a parte gli autorizzati da qualifica personale (medici, infermieri e altro), dovrà intervenire con manovre di primo soccorso. 

Per l’utilizzo di medicinali o altro, ogni gruppo deve provvedere in proprio; l’armadietto dei medicinali presente presso la struttura garantisce una disponibilità minima indispensabile e in caso di utilizzo deve essere reintegrato.

12) RISPETTO DEGLI ORARI DELLA STRUTTURA E DELLA QUIETE PUBBLICA

Gli orari di arrivo e di partenza vanno concordati con il personale volontario della casa.

L’arrivo del gruppo, generalmente nella giornata di Domenica, sarà preferibilmente dopo le ore 15:00 del pomeriggio e la partenza dovrà avvenire, generalmente nel giorno di Sabato, entro le ore 13.00. 

Le eccezioni devono essere concordate all’atto della prenotazione. 

L’orario di silenzio notturno deve essere rispettato: dopo le ore 23.30 il gruppo è tenuto a prendere posto nelle camere evitando schiamazzi e movimenti su e giù per le scale e nelle stanze. 

All’esterno si evitino rumori oltre le ore 23.00. 

Qualora si verifichino spiacevoli episodi di rumori notturni che possano turbare l’ambiente naturale il capogruppo sarà ritenuto responsabile.

13) ULTERIORI DISPOSIZIONI 

Gli ospiti sono tenuti al rispetto del decoro della casa, alla conservazione e cura degli arredi messi a disposizione, delle suppellettili. Come riportato, l’associazione VIVA Sottofrua può rivalersi di eventuali danni all’arredamento delle camere e alle attrezzature. 

L’associazione VIVA Sottofrua non risponde dei valori lasciati incustoditi nelle camere.

Non possono essere introdotte nella casa persone estranee alla lista consegnata all’atto della convenzione. Per eventuali aggiunte di ospiti rivolgersi in anticipo all’associazione VIVA Sottofrua. E’ severamente vietato l’introduzione di animali sia domestici che selvatici all’interno della proprietà.

I letti e gli arredamenti non vanno spostati, se non previo accordo con l’associazione VIVA Sottofrua e comunque se accordato, con l’obbligo a fine soggiorno, di rimetterli nello stato precedente.

Dopo le ore 23.00 è vietato, cantare, fare musica e fare schiamazzi, nei cortili della casa. 

Il responsabile del gruppo dovrà assicurarsi che gli ospiti rispettino la quiete pubblica entro i limiti dati. E’ concesso un orario in eccedenza previa autorizzazione esplicita delle autorità competenti (SIAE, Comune, Pro Loco, etc..)

Qualora si impieghino strumenti musicali per le animazioni in casa (orario limite 23.00) è obbligatorio tenere i volumi moderati sia nelle ore pomeridiane che serali.

 I fumatori dovranno gettare i mozziconi esclusivamente nei posacenere posti in cortile. 

Le prese di corrente nei corridoi sono prese di servizio e risultano comandate dal quadro elettrico: il loro utilizzo è riservato esclusivamente per l’aspirapolvere necessario alla pulizia dei piani.

Per la carica di cellulari o fotocamere ci si dovrà avvalere dei caricatori USB posti nel disimpegno di ingresso di ogni piano. 

È vietato giocare nei prati adibiti a pascolo al di fuori dei terreni in gestione all’Associazione VIVA Sottofrua.  Si raccomanda l’uso di sentieri, mulattiere e passaggi boschivi per non calpestare i prati.

E’ assolutamente vietato accendere fuochi in tutta l’area di appartenenza dell’Associazione, all’esterno è presente un’area attrezzata con griglia per cucinare carne alla piastra. Alla fine dell’utilizzo è competenza del personale cucina provvedere allo spegnimento della brace al fine di evitare incendi e pulire la griglia per un successivo uso di altri gruppi.

Ogni turno di permanenza dovrà avere la presenza costante di un CAPOGRUPPO RESPONSABILE ADULTO, indicato dal momento di accesso alla struttura. Il responsabile dovrà fornire le generalità anagrafiche e di residenza complete del numero di cellulare per la reperibilità.

Il CAPOGRUPPO è tenuto a vigilare riguardo al rispetto del presente Regolamento riferito alla struttura, agli arredi alle attrezzature e agli impianti presenti. In caso di presenza contemporanea con altri gruppi (precedentemente concordata), dovrà accordarsi per l’uso comune e ordinato delle strutture ritenute comuni (chiesa, cortile/parcheggi/prato).

14) MODULISTICA DA INVIARE PRIMA DEL SOGGIORNO

Il capogruppo, almeno 10 giorni prima dell'arrivo, deve fornire, mediante la compilazione del modulo presente nel sito: www.vivasottofrua.it , un elenco di tutti i componenti del gruppo con un massimo di 98 persone, indicando per ognuno: cognome, nome, sesso, data e luogo di nascita; il capogruppo deve aggiungere anche gli estremi della propria carta d'identità o patente di guida e il comune di rilascio.

Il modulo compilato va poi inviato a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La lettura integrale del presente regolamento deve essere fatta in presenza di tutti i componenti del gruppo ospitato nella fase di accesso e accoglienza alla struttura.

GRUPPO………………………………………………………………………………………………………………………………………….

CAPOGRUPPO RESPONSABILE – NOME E COGNOME …………………………………………………………………...

NATO A ……………………………………….. IL ……………….

RESIDENTE A ……………………………………………………… DOCUMENTO DI IDENTITA’………………………………

PERIODO DAL ……………………………………..AL …………………………………………….

DATA…………………………………………….. 

 

Firma del Capogruppo Responsabile Firma per l’associazione VIVA Sottofrua

 

………………………………………………………..                                    …………………………………………………………….